venerdì , Settembre 20 2019
Breaking News
Home / Hi-Tech / Volvo Cars intende limitare a 180 km/h la velocità di tutte le sue vetture

Volvo Cars intende limitare a 180 km/h la velocità di tutte le sue vetture

 La nuova Volvo S 60 R design

La strategia etica di Volvo Cars, nota come Vision 2020, punta ad azzerare il numero di vittime o feriti gravi a seguito di incidente a bordo di una nuova Volvo entro il 2020 e si pone come una delle visioni più ambiziose in termini di sicurezza dell’intera industria automobilistica. Tuttavia, rendendosi conto che la tecnologia da sola non consentirà di raggiungere la “quota zero”, Volvo Cars sta ampliando il suo perimetro d’intervento includendovi anche il comportamento del guidatore.

Le ricerche condotte da Volvo Cars hanno individuato tre aree che continuano ad essere fonte di preoccupazione per la sicurezza e che costituiscono dei cosiddetti “divari” che ostacolano il conseguimento dell’obiettivo di eliminare definitivamente i casi di incidenti a bordo delle auto a marchio Volvo con conseguenze fatali o molto gravi; il principale di questi è rappresentato dall’eccesso di velocità. L’idea della casa svedese è quella di limitarela velocità massima dei suoi veicoli anche se i tecnici si rendono conto che questa non rappresenta una soluzione definitiva, ma vale comunque la pena tentare questa strada se può contribuire a salvare anche una sola una vita umana.

Oltre a considerare la limitazione della velocità,Volvo sta anche studiando la possibilità futura di limitare automaticamente la velocità nei pressi di scuole e ospedali abbinando un dispositivo di controllo della velocità intelligente alla tecnologia di geofencing.

Il problema legato all’eccesso di velocità consiste nel fatto che, al di sopra di determinate velocità di marcia, la tecnologia di sicurezza installata a bordo e le infrastrutture intelligenti non sono più sufficienti a evitare morti e feriti gravi in caso di incidente. È per questa ragione che nella maggior parte dei Paesi occidentali sono in vigore i limiti di velocità, sebbene il problema della guida troppo veloce sia diffuso ovunque e costituisca una delle più comuni cause di morte nel traffico.

Oltre all’eccesso di velocità, ci sono altre due aree problematiche che costituiscono un divario da colmare per raggiungere “quota zero”. Un problema evidente tanto quanto la velocità eccessiva (e altrettanto difficile da eliminare) è la guida in stato di alterazione. Guidare sotto l’effetto di alcool o droghe è illegale in gran parte del mondo, eppure è ancora oggi una delle cause principali di incidenti stradali mortali o gravi.

L’altra area riguarda la distrazione. I conducenti distratti dal telefono cellulare o altrimenti non del tutto concentrati sulla guida rappresentano un’altra importante causa di incidenti mortali. Sotto molti aspetti sono tanto pericolosi quanto gli automobilisti ubriachi.

Volvo Cars presenterà alcune idee su come affrontare il problema della guida in stato di alterazione e della distrazione dei guidatori in occasione di uno speciale evento che si terrà a Göteborg, in Svezia, il 20 marzo prossimo. (fdc)

La Redazione Motor