mercoledì , settembre 19 2018
Breaking News
Home / Saloni Automobilistici / Ginevra 2018 / Al Salone di Ginevra le Alfa Romeo “speciali” celebrano i 108 anni del marchio

Al Salone di Ginevra le Alfa Romeo “speciali” celebrano i 108 anni del marchio

Il marchio del Biscione è protagonista al Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra con alcune serie speciali volte a catturare l’interesse degli appassionati. In prima fila la Nürburgring Edition, la serie a tiratura limitata della Stelvio Quadrifoglio “NRING” e della Giulia Quadrifoglio “NRING”, che celebrano i record ottenuti sul mitico circuito tedesco. Stelvio Quadrifoglio detiene infatti il primato nel suo segmento e, con il tempo di 7 minuti, 51 secondi e 7 decimi, è il SUV più veloce, equipaggiato con un motore 2.9 V6 Bi-Turbo benzina (abbinato all’innovativo sistema di trazione integrale Q4) da 510 CV di potenza e 600 Nm di coppia, che assicura una velocità massima di 283 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 3,8 secondi. Giulia Quadrifoglio detiene invece il primato per le berline quattro porte di produzione con un tempo sul giro di 7’32”, raggiungendo una velocità massima di 307 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi.

Ognuno di questi due modelli è prodotto in sole 108 unità, esattamente quanti sono gli anni di questo storico marchio che dal 1910 produce vetture che hanno fatto – e ancora fanno – sognare tanti appassionati, e sono stati pensati per i collezionisti e per i più affezionati clienti. Le nuove edizioni presentano contenuti esclusivi a partire dal badge numerato nell’inserto della plancia in fibra di carbonio e l’inedita livrea Grigio Circuito, ai freni carbo-ceramici, i sedili sportivi Sparco con cuciture rosse e guscio in carbonio, il pomello del cambio automatico con inserto in carbonio firmato da Mopar, il volante in pelle e alcantara anche questo con inserti in carbonio. Lo scudetto anteriore e le calotte degli specchi retrovisori sono in fibra di carbonio, così come gli inserti sulle minigonne. Non mancano i cristalli privacy, l’Adaptive Cruise Control, il pacchetto audio premium Harman Kardon, il sistema infotainment Alfa Connect 3D Nav con schermo da 8,8”, Apple CarPlay e Android Auto e DAB. Su Giulia debutta il tetto in carbonio a vista. Per entrambe, tappetini dedicati con logo rosso, sviluppati da Mopar.

Di serie anche il cambio ZF automatico a 8 rapporti con una calibrazione tale da permettere di effettuare le cambiate in soli 150 millisecondi in modalità Race. La trasmissione è dotata di frizione “lock up” che assicura al guidatore una forte e precisa sensazione di ripresa una volta innestata la marcia. Inoltre, Il nuovo cambio automatico è in grado, a seconda della modalità del DNA, di ottimizzare la fluidità, il comfort e la facilità di guida in tutti gli ambiti di utilizzo, compreso quello urbano, e permette di migliorare ulteriormente i consumi di carburante e le emissioni di CO2.

Altra star in mostra a Ginevra, l’Alfa Romeo Giulia Veloce Ti, equipaggiata con il propulsore turbo a benzina da 280 CV abbinato al cambio automatico a 8 rapporti e alla trazione integrale Q4. La storica sigla Ti, letteralmente acronimo di “Turismo internazionale” è da sempre sinonimo di versioni più ricche, più tecnologiche, più grintose come questa Giulia presentata in livrea Rosso Competizione che strizza l’occhio alla Quadrifoglio, con la quale condivide alcuni elementi di stile. Saltano subito agli occhi il cielo nero, la plancia rivestita in pelle con inserti in carbonio, i sedili in pelle e alcantara con cuciture nere e numerosi dettagli in carbonio firmati Mopar, come i battitacco retroilluminati con logo Alfa Romeo, la “V” del trilobo, l’inserto del pomello cambio, e le calotte degli specchietti retrovisori. Di derivazione Quadrifoglio, invece, le minigonne con inserto in carbonio e lo spoiler posteriore. All’insegna della sportività anche i cerchi in lega da 19″ bruniti, con design a 5 fori e le pinze freno rosse.

Al fianco troviamo una Giulia Super Nero Vulcano con l’inedito Pack Lusso che comprende l’accoppiamento cromatico tra gli interni in pelle beige e gli inserti in vero legno di quercia. Per questo modello, cerchi in lega da 18″, con pinze freno verniciate in nero e una vocazione elegante, pensata per chi vuole vivere le performance di Giulia all’interno di un salotto comodo e lussuoso. Sotto il cofano, il quattro cilindri a benzina, sovralimentato, da 200 CV abbinato al cambio automatico.

Anche la 4C è proposta in due serie speciali “Competizione” e “Italia”, entrambe con un cuore pulsante da 240 CV in alluminio a iniezione diretta, intercooler e doppio variatore di fase continuo. Abbinato al cambio automatico TCT, regala prestazioni da supercar: rapporto peso/potenza inferiore a 4kg/CV, 258 km/h (257 km/h per la 4C Spider) di velocità massima, 4,5 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h, 1,1 g di accelerazione laterale e 1,25 g di decelerazione massima in frenata. Anche su questi modelli sono stati ampiamente utilizzati materiali ultraleggeri come la fibra di carbonio per la scocca, l’alluminio per i telaietti anteriori e posteriori e l’SMC – un meteriale composito a bassa densità – per la carrozzeria.

Le due serie speciali, anch’esse a tiratura limitata in 108 esemplari, si distinguono per il colore Grigio Vesuvio Opaco della Coupé abbinata ad una livrea appositamente studiata per questa configurazione (che ogni cliente potrà decidere se adottare o meno). Oltre alla monoscocca, ulteriori dettagli in carbonio accentuano la sportività della vettura: tetto, spoiler posteriore, calotte specchi, presa d’aria laterale e mascherina dei fari, che richiamano il mondo delle competizioni. Completano la dotazione estetica il paraurti frontale con prese aria in tinta vettura, i cerchi a cinque fori da 18″ all’anteriore e 19″ al posteriore con trattamento scuro, le pinze dei freni rosse e lo scarico centrale Akrapovič in titanio con funzione dual mode e cornice anch’essa in carbonio. All’interno i sedili sono in pelle e microfibra con cuciture rosse, cosi come il volante sportivo, e a enfatizzare l’esclusività della serie contribuiscono infine la targhetta numerata sul tunnel centrale e l’inserto plancia in alluminio con grafica dedicata “Competizione”.

La serie speciale Spider “Italia” si distingue per il colore della carrozzeria in Blu Misano, esclusivo per questa versione da collezione. Esteriormente spiccano i cerchi a cinque fori di misura asimmetrica, 18″ all’anteriore e 19″ al posteriore, e le pinze freno gialle, che richiamano le cuciture di sedili, plancia, volante e pannelli porta. La fiancata, poi, ospita lo sticker tricolore dedicato “Spider Italia”. Nella sua dotazione standard offre il doppio scarico Akrapovič centrale in titanio con funzione dual mode e cornice in carbonio. Completano l’allestimento l’impianto Hi-Fi premium Alpine, con subwoofer, la targhetta numerata sul tunnel centrale e l’inserto plancia in alluminio con grafica dedicata “Italia”. (Daniela Cudoni)

Avanti Indietro
 
 
 
Avanti Indietro

 

La Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma dal 1944