mercoledì , Luglio 28 2021
Breaking News
Home / In Evidenza / Nuovo propulsore per la Nissan Qashqai

Nuovo propulsore per la Nissan Qashqai

Un nuovo motore benzina da 1.3 litri è adesso disponibile per Nissan Quashqai. Si apre così il nuovo capitolo della storia di successo del crossover giapponese più venduto in Europa. Si tratta di un motore ad alta efficienza, disponibile in tre versioni, tutte a trazione anteriore: 140 CV e 240 Nm di coppia, 160 CV e 260 Nm di coppia (entrambi con cambio manuale) e 160 CV e 270 Nm di coppia, con la nuova trasmissione a doppia frizione (DCT, Dual Clutch Transmission) a sette velocità, all’esordio su un modello Nissan a elevato volume di vendite.

Rispetto al motore benzina 1.2 da 115 CV con cambio manuale, la nuova unità 1.3 da 140 CV offre 25 cavalli e 50 Nm di coppia in più. Su Qashqai con cerchi da 17 pollici, le emissioni di CO2 sono pari a 121 g/km (NEDC-BT), ovvero 8 g/km in meno rispetto al 1.2 (NEDC).
Anche l’accelerazione è migliorata. Da 0 a 100 km/h è sostanzialmente invariata (10,6 sec per il motore 1.2 e 10,5 sec per il motore 1.3), ma in quarta marcia da 80 a 100 km/h è passata 5,7 sec a 4,5 sec, un miglioramento del 18%. In sesta marcia, da 100 a 120 km/h il miglioramento è addirittura del 35%.

Rispetto, invece, al motore 1.6 da 163 CV con cambio manuale, la versione 1.3 da 160 CV ha 3 cavalli in meno, ma 20 Nm di coppia in più. Su Qashqai con cerchi da 17 pollici, le emissioni di CO2 sono pari a 121 g/km (NEDC-BT), ovvero 13 g/km in meno rispetto al 1.6 (NEDC).

I vantaggi sono tanti: Migliori performance in termini di risposta del motore, più comfort a bordo grazie al minor rumore dal motore, che, erogando una maggiore coppia ai bassi regimi, non necessita di salire troppo di giri per garantire il necessario spunto e accelerazione, minori consumi e minori emissioni di CO2 e di particolato.

I prezzi del Nissan Quashqai con il nuovo  motore partono da 22.050€ per il 140 CV e 23.760€ per il 160 CV. (er)

La Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma dal 1944