mercoledì , agosto 15 2018
Breaking News
Home / In Primo Piano / Mahindra KUV100, il CitySUV “europeo”

Mahindra KUV100, il CitySUV “europeo”

I segmenti A e B dominano il mercato italiano, totalizzando il 53,3% delle vendite totali nel 2017. Analizzando ulteriormente le tendenze, si può notare come la categoria dei SUV/crossover sia quella con il maggior aumento in assoluto; anche nei primi tre mesi di quest’anno ha fatto registrare un impressionante +27,6% (periodo gen/mar 2018 vs 2017, fonte UNRAE) per una quota di mercato del 26,8%. Nell’ ambito di questa crescita, le tipologie di vetture Compact e CitySUV rappresentano il nuovo trend. Proprio qui si inserisce KUV100 il CitySUV di Mahindra con il quale il Marchio indiano da il via al nuovo corso commerciale (che prevede il lancio di cinque nuovi modelli nel prossimo lustro) nei mercati del Vecchio Continente.

Disegnato, progettato e sviluppato presso il Mahindra Research Valley a Chennai (India), KUV100 è costruito su una nuova piattaforma monoscocca nell’impianto di Chakan, Maharashtra (India).In 3.700 mm di lunghezza, 1.727 mm di larghezza e 1.655 mm d’altezza, il CitySUV indiano, racchiude un look molto personale.

Esteticamente le linee sono marcate, sottolineate da profondi tagli sulle fiancate, le forme sono scolpite e decise con la parte anteriore che si fa notare per il frontale piuttosto prominente e la sottile mascherina raccordata ai fari a sviluppo orizzontale. Altri elementi peculiari sono la fascia dei fari anteriori avvolgente, i passaruota pronunciati, la linea di cintura alta, lo spoiler integrato con i deflettori anti-turbolenza sopra il lunotto posteriore. Completano la panoramica degli esterni, i cerchi in lega da 15″, le luci diurne DRL a Led multifunzione e le maniglie delle portiere posteriori inserite nei larghi montanti. Questa soluzione, se da un lato favorisce l’estetica, dall’altro può risultare un pò penalizzante a causa della scarsa visibilità in manovra.

Una volta a bordo del KUV100 ci si trova in un abitacolo ben strutturato e razionale che qualitativamente fa di tutto per avvicinarsi agli standard europei. Gli interni, assecondano il look degli esterni. La plancia ergonomica e intuitiva, include la leva del cambio a joystick, molto comoda da manovrare. Sul volante si trovano i comandi audio e Bluetooth. KUV100 ha quattro alzacristalli elettrici, l’apertura del bagagliaio comandata dall’interno, il sistema di infotainment con radio e impianto stereo a quattro casse, la presa 12v (anche per i passeggeri posteriori nella versione K8), la porta USB e l’attacco AUX, per collegarsi o ricaricare il telefono cellulare o i dispositivi elettronici. Il bagagliaio ha una capacità di 243 litri, ma c’è anche la possibilità di abbattere i sedili, che però non sono frazionabili.
L’abitacolo è spazioso anche dietro, sia per le gambe sia per la testa ed è notevole il numero e la capacità dei portaoggetti, in particolare di quello tra i sedili anteriori, frazionato in più scompartimenti.

KUV100 è importato in Europa esclusivamente con il nuovo motore in alluminio 3 cilindri a benzina Euro 6, mFalcon G80 da 1.2 litri (1.198 cc) a iniezione MPFi (Multipoint Fuel Injection System) con doppia fasatura
variabile VVT (Variable Valve Timing). Dispone di una potenza di 82 CV a 5500 giri/minuto, che eroga già ai bassi regimi la coppia necessaria per una guida piacevole e dinamica (115 Nm a 3500/3600 giri/minuto), in grado di far raggiungere un’adeguata velocità massima.

I prezzi? il KUV100 K6+ costa 11.480 Euro; il KUV100 K8 invece 12.700 Euro, a fronte di una dotazione più estesa. La promozione di lancio prevede un bonus sconto di 1000 Euro. E’ garantito per 3 anni o 100.000 km con un servizio di assistenza stradale per 3 anni. È anche previsto un programma opzionale di estensione di garanzia per ulteriori 2 anni. (Ettore Rungo)

Avanti Indietro
 
 
 
 
 
 
Avanti Indietro

La Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma dal 1944