sabato , ottobre 21 2017
Breaking News
Home / In Primo Piano / Volvo XC40, a Milano nuovo stile a battesimo

Volvo XC40, a Milano nuovo stile a battesimo


Volvo lancia un modello in Italia per la prima volta. XC40: compatta, appartenente ad un segmento del mercato in rapida crescita, elegante, sicura di s’è è pronta a conquistare i giovani del belpaese, pubblico spesso sfuggito alla sobrietà scandinava. Il modello ha dimensioni adatte alla città (lunga 442, larga 186 cm, alta 166 cm), è altezzosa quanto basta per scegliere come vetrina il centro direzionale di Milano, tra il Grattacielo Bosco Verticale e piazza Gae Aulenti, dove viene inaugurato anche lo studio-show room Volvo. “Location perfetta per mostrare in anteprima mondiale la nostra SUV compatta, tenuta sotto i riflettori anche durante la Fashion Week, la settimana dedicata al design, alla moda e alla bellezza”, ha confermato Michele Crisci, Presidente Volvo Italia.
Se per noi il marchio è sempre stato rigore e tecnologia, ora basta aprire le portiere per scorgere un nuovo mondo pronto ad accogliere l’automobilista. La concezione dell’abitacolo cambia rispetto al passato e si sta evolvendo ancora anche rispetto alle sorelle. Con lo spazio minore a disposizione, qui impera la razionalizzazione degli interni. Si percepisce uno speciale studio di luci, rivestimenti scelti, oltre a qualità e ad un design più trendy, elegante ma meno minimalista. Ottimo l’assemblaggio, così come le idee a sostegno dell’hi-tech: via i diffusori audio dalla plancia e dal fondo delle porte, la musica si diffonde attraverso le bocchette dell’aria, per lasciare posto agli accessori degli ospiti, laptop per esempio. Su questa linea anche si moltiplicano i vani all’interno, pronti a rendere la vita un po’ come a casa, con tanto di gancio per giacche e piccoli ripostigli per chiavi e monete.


Semplificare la vita degli automobilisti rimane uno dei principali obbiettivi per il marchio. Dalla Casa parlano di alleggerire il ‘Carico Cognitivo’ del guidatore. Dunque, come sulle altre Volvo car, numerosi sono anche qui i sistemi di assistenza per la sicurezza e per la guida: aiutano attivamente a individuare potenziali pericoli così da diminuire lo stress al volante. L’ultimo arrivo (dopo city safety, pilot assist etc…) addirittura è un sistema in grado di girare autonomamente il volante se il guidatore è distratto e per dirne una non scorge l’auto in arrivo dall’angolo cieco.

L’auto è già a listino e può essere ordinata e acquistata. Disponibile al lancio nelle versioni top di gamma benzina e diesel, entrambe con trazione integrale e cambio automatico a otto rapporti: ovvero con un T5, un 2.0 turbo benzina da 250 CV, al prezzo di 44.120 euro, o con un D4, un turbodiesel 2.0 litri da 190 CV da 43.320. Previsto per il 2018 l’arrivo di motorizzazioni meno potenti e a due ruote motrici, con il prezzo di attacco che sarà quello della D3 da 150 CV a circa 32.000 euro.

Il marchio propone Volvo Care una formula di abbonamento annuale (un po’ come il cellulare…) che permette al automobilista un tutto compreso con 699 euro. Il nome nasce proprio per trasmettere al guidatore la possibilità di non avere più complicazioni. Tra i servizi è compreso perfino il pick-up espresso dell’auto. Questa soluzione, inoltre, dà la possibilità di riscattare l’auto, così come di effettuare lo stesso processo con un’auto usata. Utile quindi per ogni tasca.
In tutto ciò Volvo testerà così nuove modalità di acquisto. I concessionari non perderanno potere, anzi. La manutenzione, secondo i Cino-scandinavi, avrà un ruolo rilevante e i rivenditori saranno il perno centrale: ci sarà necessità di un’assistenza maggiore e fidelizzata. (is)

Next Prev
 
 
 
Lo Studio Volvo, lo spazio della Casa svedese che si trova nel centro di Milano dove è stata presentata in aneprima mondiale la XC40
 
Next Prev

About Redazione Motor