giovedì , settembre 21 2017
Breaking News
Home / In Evidenza / Peugeot Nautilius: il futuro disegnato vent’anni fa

Peugeot Nautilius: il futuro disegnato vent’anni fa

Non era certo una semplice esercitazione stilistica. No, Nautilius la Concept Car esposta al Salone di Ginevra del 1997 ha interpretato una serie di proposte stilistiche che poi ritroveremo sui modelli di serie, come la 605.

Nautilius si deve alla storica collaborazione tra Peugeot e Pininfarina ed è opera del designer Ken Okuyama all’epoca operativo per l’azienda italiana.

La concept è realizzata sul telaio di una 605 allungato di 15 centimetri, mentre le carreggiate sono allargate di sei centimetri per parte. L’obiettivo è sviluppare una ammiraglia quattro luci dal tono sportivo, imponente ed elegante nonostante il peso complessivo di 1.800 kg.

Peugeot 605

Okuyama scelse come riferimento estetico l’ambiente marino come indica il nome caro a Jules Verne. L’esterno della Nautilus è di colore acquamarina metallizzato, in tinta opaca, una vera avanguardia per l’epoca. L’interno riprende ugualmente le linee e le onde dell’ambiente marino, mentre i rivestimenti dei sedili in due colori (blu davanti, grigio dietro) sottolineano la differenza tra zona posteriore accogliente e raffinata ed il posto di guida funzionale ed ergonomico….come nelle limousine d’anteguerra caratterizzate da un posto di guida destinato allo chauffeur con sedili in pelle resistenti anche alle intemperie e l’abitacolo in preziose sete o lane.

La grande superficie vetrata comprende anche il tetto: è un’innovazione che sarà presto trasferita nella produzione di serie Peugeot a partire dalla 307 SW. Anche la parte frontale anticipa stilemi che diventeranno familiari nelle auto del Leone, come la calandra verticale a forma trapezoidale con decorazione a piccoli rettangoli e luci di posizione sottili. Pure la semplicità della fiancata è… futuribile perché le lamiere sono mosse da una scanalatura oggi attualizzata, ad esempio, sulla 208. Le maniglie delle porte annegate nelle cornici dei vetri e un sistema di telecamere in sostituzione degli specchietti retrovisori. Per quanto riguarda l’immaginario marino, influenza i cerchioni a forma di pinna e la conchiglia al centro del volante.

Un’altra immagine della 605

Insomma, Nautilus rappresenta una pietra miliare tra le concept-car Peugeot: un design ancora attuale a suo tempo con 20 anni d’anticipo! (Franco Carmignani)

 

About Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma ( registrazione in itinere)