sabato , luglio 22 2017
Breaking News
Home / Prove su strada / Nuova Renault Scénic, più di una monovolume

Nuova Renault Scénic, più di una monovolume

 

Reinventarsi non è una cosa facile, soprattutto se parliamo di un’auto che nel 1997 ha inventato un nuovo segmento, ottenendo in questi anni successi sia commerciali che di critica. Eppure il marchio francese Renault ci è riuscito proponendo una nuova monovolume compatta che è andata oltre il concetto di monovolume.

Stiamo parlando della nuova Scénic (5 posti) e Grand Scénic (7 posti), un’auto con due anime  che è stata completamente rivoluzionata rispetto alle precedenti generazioni e che punta sulla seduzione grazie ad un design accattivante ed interni confortevoli e tecnologici.

La Scénic oggetto della nostra prova, in allestimento Energy Bose, era equipaggiata con il motore 1.6 dCi da 130 CV, una versione della monovolume 5 posti che si concentra sull’efficienza quotidiana e quindi su costi di gestione contenuti, abbinato ad una trasmissione manuale 6 rapporti piacevole e fluida, un connubio che fa registrare consumi di 4,5 litri per 100 km, mentre l’emissione di CO2 si attesta sui 116 g/Km. Naturalmente parliamo di un’auto Euro6.

Esteticamente la nuova Scénic presenta una silhouette da monovolume più ampia, grazie ad un aumento della larghezza (+20 mm rispetto a SCENIC 3), dell’altezza libera dal suolo (+40 mm), del passo e della carreggiata anteriore e posteriore, il tutto equilibrato grazie alla riduzione di 166 mm dello sbalzo posteriore. Da notare il parabrezza spiovente panoramico che migliora la visione laterale, mentre il tetto panoramico fisso in vetro (disponibile in opzione) rende l’abitacolo luminoso.

L’anteriore della nuova Scénic si caratterizza per la firma luminosa distintiva di serie (in linea con il resto della gamma), con fari a forma di C, mentre al posteriore la tecnologia Edge Light per i gruppi ottici crea una forma a 3D; la doppia anima della Scénic viene espressa dalla posizione dei gruppi ottici posteriori che nella versione a 5 posti è orizzontale, mentre è in verticale sulla versione 7 poti (Grand Scénic).

Fra le altre novità lanciate da Renault con la nuova Scènic segnaliamo l’adozione su tutta la gamma di ruote da 20’’, unica taglia proposta, che conferiscono dinamismo alla monovolume francese, abbassando visibilmente la linea del tetto.

 

Internamente è da notare la funzione One Touch Folding, ripresa dall’Espace, che consente di ripiegare con un semplice gesto i sedili posteriori per ottenere un pianale piatto, infatti la monovolume francese è l’unico veicolo del segmento in cui il comando può essere attivato da due posizioni diverse: dal vano bagagli o dal sistema R-LINK 2. Molto interessante e pratica è anche la consolle centrale scorrevole e dotata di un volume portaoggetti importante (13 litri); il volume del vano bagagli ha una capienza di 506 dm3 VDA (pari a 572 litri).

La ricca dotazione di equipaggiamenti di sicurezza e comfort comprende: il regolatore di velocità adattivo, l’allarme per superamento della linea di carreggiata tramite vibrazione del volante, l’head-up display a colori, l’Easy Park Assist, l’R-LINK 2 con schermo verticale 8,7 pollici, tra i più grandi del segmento e la tecnologia MULTI-SENSE® che consente la scelta fra cinque modalità di guida: neutro, sport, comfort, perso, eco, tutte abbinate a diversi colori della strumentazione, dal rosso al blu.

Su strada – Nonostante sia una monovolume, quindi un’auto votata più al comfort che alle prestazioni, la nuova Scénic 1.6 dCi raggiunge una velocità massima di 190 Km/h, con un’accelerazione da 0 a 100 in 11,4 secondi, non male se si pensa che il peso dell’auto è di 1540 kg, grazie anche ad una linea della carrozzeria, come detto sopra, sicuramente aerodinamica.

Il listino prezzi della Nuova Scénic parte dai 21.900 euro, mentre la versione Energy Bose 1.6 dCi oggetto della nostra prova costa 31.050 euro. (Stefania Favìa del Core)

Next Prev
 
 
 
 
 
 
 
Next Prev

About Redazione Motor