domenica , novembre 19 2017
Breaking News
Home / In Evidenza / Nuova Infiniti Q60: progettata per emozionare

Nuova Infiniti Q60: progettata per emozionare

infiniti-q60

Si chiama Q60 ed è la coupé sportiva Premium di Infiniti che coniuga design espressivo e prestazioni da vera sportiva. Le linee decise  dell’esterno sottolineano il carattere della Q60, adesso rafforzato da un nuovissimo biturbo V6 da 3 litri.
Più basso e più largo di quello delle precedenti coupé Infiniti, il profilo della Q60 esprime una “potente eleganza”. Gli sviluppi dinamici comprendono il nuovo, leggero e sofisticato motore, la versione più recente dello Sterzo elettronico diretto (Direct Adaptive Steering – DAS) e un sistema di sospensioni digitali.
Il motore biturbo V6 da 3 litri dalle elevate prestazioni della nuova ed esclusiva famiglia di propulsori “VR” è nato dall’ampia esperienza aziendale del marchio nello sviluppo di propulsori a sei cilindri. L’unità, disponibile con 405 CV è stata progettata per offrire una maggiore potenza e coppia mantenendo elevati livelli di efficienza. È disponibile anche un motore a benzina a quattro cilindri da 2 litri, turbocompresso per produrre 211 CV. La potenza è incanalata attraverso le ruote posteriori per un’immediata risposta dinamica. Un sistema opzionale di Trazione integrale intelligente AWD ( All Wheel Drive) a ripartizione posteriore, fornisce migliori stabilità e tenuta di strada in condizioni di bassa aderenza.
L’allestimento interno della Q60 include dettagli top di gamma e ricchi materiali dall’aspetto moderno. I modelli Sport e Premium sono disponibili con dettagli in fibra di carbonio, mentre un pacchetto con interni in pelle ostenta un tocco di fibra d’argento. I colori più scuri degli interni, che comprendono un allestimento sportivo in pelle rossa, sono abbinati a un dettaglio nero e viola in fibra di carbonio. La nuova coupé sportiva di Infiniti sarà venduta in mercati selezionati a partire dalla fine dell’anno. (Redazione)

About Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma dal 1944