venerdì , aprile 20 2018
Breaking News
Home / Prove su strada / Nuova Hyundai i30 Wagon, un’aria … familiare

Nuova Hyundai i30 Wagon, un’aria … familiare

Quando si pensa ad una vettura spaziosa, da qualche anno a questa parte, la mente va immediatamente al SUV. In realtà, il concetto di familiare classica, come la nuova Hyundai i30 Wagon, ha ancora molto da offrire. La coreana, infatti rinnova la sfida alle station wagon di segmento C con ottime qualità e tutte le carte in regola per farsi largo tra la concorrenza.

Come la sorella a 5 porte anche la i30 Wagon è una vettura dalle linee rassicuranti, senza troppi fronzoli che trasmette una buona sensazione di solidità. Il frontale, proteso verso la strada, presenta una grande calandra e  gruppi ottici che si prolungano fino i passaruota. La linea di cintura è alta con fiancate pulite che corrono a contrasto, così come il tettuccio, che danno alla vettura un’aria un po’ più sportiva.

All’interno, i quasi 25 cm in più della berlina hanno portato i loro frutti. Lo spazio è abbondante nei posti anteriori. Dietro l’accesso è agevole e i sedili sono comodi grazie a una quantità di spazio sufficente per testa e gambe. C’è da dire che, se si è di corporatura robusta, si viaggia meglio in quattro perchè il posto centrale limita un pò la libertà di movimento per i piedi a causa delle guide dei sedili e le bocchette d’areazione posteriori.

Ampio e regolare nella forma il bagagliaio, che in configurazione 5 posti arriva fino a 602 litri. Abbattendo, invece,  gli schienali (con la modalità 60/40) la capacità di carico arriva invece fino a 1650 litri. Un ottimo risultato per una wagon lunga 4,58 metri.

La qualità dell’abitacolo è alta ed è una piacevole conferma dell’ottimo lavoro che Hyundai sta portando avanti negli ultimi anni. I  materiali sono buoni così come  l’assemblaggio che non presenta punti critici. La plancia è divisa su tre livelli. La strumentazione, di stampo classico, è molto chiara, con un piccolo display al centro per le informazioni del computer di bordo. Ottima l’ergonomia del posto guida perchè tutti i comandi sono facilmente raggiungibili e anche piacevoli al tatto. Il navigatore, di serie sugli allestimenti Urban e Style, si avvale di uno schermo touch da 8 pollici che non rinuncia ai tasti fisici per favorirne la gestione. La risoluzione è buona e la posizione alta lo rende sempre ben visibile. I sedili in pelle (sulla versione del nostro test) ed il volante regolabile garantiscono una posizione di guida decisamente comoda, così come il la possibilità di riscaldare (o raffreddare) i sedili anteriori ed il volante.

Su strada la nuova Hyudai i30 è una vettura rilassante, soprattutto per merito delle sospensioni che sono morbide quando ci sono da superare dossi o un asfalto un po’ dissestato e regalano un buon feeling con la vettura. Il propulsore 1.4 T-GDI con cambio automatico DCT (oggetto della nostra prova) è molto fluido e silenzioso grazie anche ad un cambio preciso anche se non fulmineo. I 140 CV del propulsore offrono uno spunto soddisfacente, soprattutto in modalità SPORT, ma non incitano comunque a una guida sportiva. Il rollio è limitato ma avvertibile così come il beccheggio in frenata.

Lo sterzo è leggero e facile da gestire nelle manovre anche se la visibilità posteriore non è delle migliori ma si può comunque fare affidamento sulla telecamera posteriore e sui sensori.

Numerosi i dispositivi di assistenza alla guida, non tutti di serie ovviamente. Sulla i30 la Hyundai ha fatto il pieno: dal cruise adattivo, alla frenata automatica d’emergenza passando per gli abbaglianti automatici o per il sistema di mantenimento della corsia che agisce, correggendo lo sterzo, sotto i 60 km/h

La nuova i30 Wagon è disponibile in quattro livelli di equipaggiamento, ovvero Classic, Comfort, Business e Style, con motorizzazioni a benzina (il nuovo 1.4 Turbo GDI da 140 Cv, 1.0 T-GDI 3 cilindri 120 Cv, 1.4 MPI 100 Cv) e diesel (1.6 CRDi da 110 e 136 Cv), a cui si aggiunge la nuova trasmissione automatica doppia frizione a 7 rapporti abbinabile ai propulsori 1.4 Turbo e diesel. Il listino parte da 19.500 euro della versione 1.4 MPI Classic (100 Cv, cambio manuale),che già offre sistemi di guida assistita avanzati e comfort elevato, e arriva fino a 28.500 della versione Style 1.4 T-GDI con cambio DCT. (Ettore Rungo)

Avanti Indietro
 
 
 
 
 
 
Avanti Indietro

La Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma dal 1944