martedì , maggio 22 2018
Breaking News
Home / In Primo Piano / L’E-PRIX di Roma trionfo per Bird e DS

L’E-PRIX di Roma trionfo per Bird e DS

Vittoria storica di Sam Bird del DS Virgin Racing nella gara inaugurale di Formula E che si è svolta a Roma, la settima vittoria nella categoria, e sale insieme al team al secondo posto nelle due classifiche.

Il pilota britannico, che ha gareggiato per il team in ognuna delle 40 gare di Formula E, ha resistito fino alla fine agli attacchi di Lucas di Grassi, e ha conquistato la vittoria dopo l’abbandono del poleman Felix Rosenqvist, costretto al ritiro per la rottura della sospensione posteriore sinistra.

Di fronte a una folla di 30.000 spettatori, Sam Bird ha tenuto un ritmo veloce per tutto il giorno sulla pista del Circuito Cittadino dell’EUR, allestita per l’occasione, concludendo al secondo posto nelle prove di apertura e nelle qualifiche, sempre molto combattute.

Il Team Principal del DS Virgin Racing Alex Tai ha commentato: “Sono molto felice per Sam e per il team. L’evento di Roma è stato fantastico e un grandissimo onore per la Formula E. Sam ha preso l’abitudine di vincere sui nuovi circuiti, come la doppia vittoria nella gara inaugurale di New York dello scorso anno o magari… è stata la benedizione del Papa! In ogni caso siamo contenti e grati a tutto il team per il costante e duro lavoro. Naturalmente è stato frustrante per Alex, ma è un grande pilota e so che si riprenderà presto.”

Fin qui il dato di cronaca, che esalta il pilota, il team e lo spettacolo della Formula E, che, come annunciato, tornerà nella capitale per i prossimi 5 anni.

Ma c’è anche il risvolto della mission e della sfida che stanno raccogliendo la maggior parte dei brand – è annunciato l’arrivo dei grandi marchi tedeschi – che ci ha illustrato Giorgio Contu PR DS Italia nell’incontro pre gara che si è svolto alla vigilia della gara al DS-Store di Roma presente anche: “DS Automobiles è nata nel 2014, e subito dopo la sua nascita, nel 2015 ha creato DS Performance, divisione dedicata allo sport. Nello specifico DS Automobile ha deciso di dedicarsi alla Formula E, perché è lo sport del futuro, all’avanguardia, così come è il nostro brand. Inoltre il motorsport e la Formula E sono un laboratorio di ricerca di sviluppo tecnico che rappresentano un asset strategico per il nostro brand. Nei prossimi cinque anni lanceremo cinque nuovi prodotti, e tutti avranno sempre una motorizzazione elettrica o ibrida. E’ chiaramente il frutto del nostro impegno in Formula E. Tutto quello che è lo studio per la Formula E è diretto ai nostri clienti. Basta pensare alle vetture elettriche che usano batterie, l’efficienza e la capacità di durare nel tempo rappresentano il cuore di questa tecnologia che è importante”.

Per concludere una piccola nota sull’organizzazione e la comunicazione, che è stata un po’ carente per non dire misteriosa nei rapporti con gli addetti ai lavori (un po’ meno con tanti inutili VIP o presunti tali!!) Se il sold-out anticipato dei biglietti per le tribune ci poteva stare, anche se all’atto pratico la richiesta è stata molto maggiore soprattutto sul piano locale, è clamorosamente mancato l’interfaccia con la stampa nazionale e locale, che non necessariamente doveva/poteva conoscere le procedure d’accredito, e il venerdì, a parte quei pochi che seguono l’intero campionato, per gli altri è stato un delirio. Anche se la gara è FIA, e dunque soggetta alle sue procedure di accredito, sarebbe stato opportuno un ufficio stampa locale per gestire meglio le richieste. (Franco Carmignani)

Avanti Indietro
 
 
 
 
Avanti Indietro

La Redazione Motor