venerdì , novembre 24 2017
Breaking News

La famiglia allargata

La Giulia berlina

Lanciata originalmente nel modello 1600 TI nel 1962, la Signora Giulia ha presto messo su famiglia. Già nella primavera 1963, sempre a Monza, viene presentata la TI Super, che inalbera il Quadrifoglio simbolo dell’eccellenza prestazionale dell’Alfa, con il motore 1.570 cc alimentato con un carburatore Weber 45 DCO E, che offre 23 CV in più, con la velocità prossima ai 190 km/h, un anno più tardi nasce la 1300, che dispone della bella potenza di 80 CV, con 10,5 kgm di coppia massima a 4.500 giri/min, mentre la leva del comando del cambio a 4 marce è centrale e i freni a disco.

I due modelli berlina  saranno poi a più riprese evoluti. Nel 1976 nella gamma appare anche una versione Diesel, equipaggiata con un motore Perkins quattro cilindri di 1.760 cc, da 50 CV.

Ovviamente non possono mancare le versioni sportive. Già nel 1963, a poco meno di dieci anni dalla prima Giulietta,  arriva la Giulia Sprint GT, firmata sempre da Bertone, che dà vita a un albero genealogico di cui fanno parte le versioni GTA (la A sta per alleggerita), GTV (GT Veloce), GT Junior con motore 1,3, e poi via via le 1750 e le 2000. Non può mancare la versione cabriolet, prodotta in poche unità, con l’intervento della Touring. Sotto il segno della “Zeta” di Zagato ecco l’erede della SZ, la Giulia Coupè TZ, costruita in poco più di cento esemplari, compresa anche la TZ2,  con telaio tubolare, destinata principalmente alle corse. Sempre di Zagato sono l’originalissima Giulia Coupè GT Junior Z e il remake 1600 Gran Sport.

La Giulia GT

Per quanto riguarda la versione spider la storia è un po’ diversa. Inizialmente si pensa infatti di sfruttare ancora la carrozzeria della Giulietta, che rimane uno dei capolavori di Pininfarina, trapiantando il motore 1.570 cc. Una soluzione tampone in attesa di un altro grande exploit, la Duetto. Ma questa è un’altra storia.

Inutile dire, come la maggior parte di questi modelli rappresentano oggi materia di collezionismo, con prezzi da capogiro. E’ la forza del marchio Alfa e della Signora Giulia… (fc)

Next Prev
La Giulia TI Super Quadrifoglio
La versione 1300 con cambio e leva centrale
La GT Junior
La Giulia 1600 Pininfarina al Concorso di Montecatini
La Giulia TZ
L’Alfa Romeo Giulia TZZ
Next Prev

“SPECIALE ALFA ROMEO GIULIA: L’IMBATTIBILE GTA”

About Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma dal 1944