domenica , novembre 19 2017
Breaking News
Home / Novità / Fiat Qubo 2017, spazio allo..spazio!

Fiat Qubo 2017, spazio allo..spazio!

fiat-qubo-2017_6

Presentato al Salone dell’auto di Parigi del 2008, il Qubo più famoso in casa Fiat torna a far parlare di sé per il nuovo anno.

La sostanza rimane la stessa a partire dagli esterni, dove lo stile mantiene il carattere originale e dinamico tipico del modello. Un leggero lifting le restituisce un paraurti ed una calandra più moderna ed accattivante, così come accade per il portellone posteriore.

Alla gamma di colorazioni in catalogo si aggiungono il Bronzo Magnetico e l’Azzurro Libertà. Novità anche per i cerchi, ora disponibili in lega diamantati da 15” bruniti e da 16” nero lucido.

All’interno troviamo un abitacolo aggiornato, dove fa la comparsa un volante ridisegnato. Nuova grafica per la strumentazione e rivestimenti rinnovati nei tessuti e nelle tonalità. Tra le novità degli interni spicca il sistema di infotainment con autoradio MP3 5″ touchscreen a colori, disponibile anche con sistema di navigazione satellitare, nonché Bluetooth, Audio Streaming, ingresso USB/AUX, 6 altoparlanti e comandi al volante.

fiat-qubo-2017

Asso nella manica? Funzionalità e spazio a bordo. La capacità del bagagliaio è infatti di 330 litri ad altezza cappelliera (250 litri per la versione metano), con i sedili posteriori in posizione normale e fino ad un massimo di 2.500 litri (altezza al tetto, con i sedili posteriori rimossi). La vettura inoltre, con l’optional del sedile anteriore passeggero ripiegabile, è capace di accogliere oggetti lunghi fino a 2,5 metri.

Motorizzazioni per tutti i gusti: 1.4 benzina Fire aspirato da 77 CV, un 1.4 da 70 CV a doppia alimentazione benzina/metano e due turbodiesel 1.3 MultiJet II (95 e 80 CV), quest’ultimo disponibile anche con cambio robotizzato a 5 marce Dualogic. (Lorenzo Pollini)

Next Prev
 fiat-qubo-2017_2
 fiat-qubo-2017_5
 fiat-qubo-2017_4
 fiat-qubo-2017_3
Next Prev

About Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma dal 1944