mercoledì , gennaio 17 2018
Breaking News
Home / In Evidenza / Alpine A110 Première Édition, il ritorno di un mito

Alpine A110 Première Édition, il ritorno di un mito

Coupé sport elegante e leggera, la nuova A110 Première Édition segna il ritorno di Alpine.

Fedele al DNA della marca, il modello privilegia agilità e piacere di guida, senza rinunciare al comfort quotidiano.
Progettata e prodotta in Francia, questa coupé biposto con motore in posizione centrale posteriore presenta una struttura in alluminio, a vantaggio della leggerezza, e sofisticate sospensioni a doppio triangolo. A trazione posteriore, come tutte le Alpine, A110 Première Édition è alimentata da un quattro cilindri turbo benzina 1.8 litri, che eroga 252 cv.
All’apertura delle prenotazioni i 1.955 esemplari di questa edizione limitata sono stati tutti prenotati in appena cinque giorni. La versione di serie seguirà a breve.

Primo lancio di un nuovo modello da vent’ anni a questa parte, A110 Première Édition segna la rinascita di Alpine. Questa entità autonoma all’interno del Gruppo Renault rivendica un’ambiziosa strategia a lungo termine, che ricorda la visione e la determinazione del suo fondatore, Jean Rédélé.
Rinomata per il prestigioso passato di costruttore di auto sportive agili e leggere, particolarmente a proprio agio sulle strade tortuose, Alpine ha anche forgiato la sua reputazione in gare internazionali di altissimo livello. Tra le numerose vittorie, ricordiamo il titolo di Campione del mondo Rally 1973 e il trionfo nella 24 Ore di Le Mans del 1978.

“È un immenso privilegio rilanciare un marchio che ispira tanta passione, ma è anche un’enorme responsabilità” ha dichiarato Michael van der Sande, Direttore Generale Alpine.
“La passione per Alpine è molto forte, sia all’interno del Gruppo Renault che tra gli appassionati di auto sportive. Aspettavamo con impazienza di vedere Alpine tornare sulla scena. È finalmente giunto il momento.” (er)

Avanti Indietro
 
 
 
Avanti Indietro

La Redazione

Rivista Motor | Testata Giornalistica Registrata al Tribunale di Roma dal 1944